scorrerò-pagine_microcover

Scorrerò pagine di memoria al tuo fianco – Raffaello Corti

€ 11.00

Descrizione

La memoria come onde che disegnano la sabbia, come vento che solleva la polvere, come ombre che travestono i muri, o mani che modellano la materia.
La memoria come strumento per fissare o filtro per trasfigurare il ricordo, come lo sguardo fissa, filtra e trasfigura la realtà, o la parola i concetti.
Titolo e citazione iniziale sono infatti una vera e propria dichiarazione di intenti che si dipana attraverso alcune caratteristiche ricorrenti che toccano tutti i componimenti e ne rendono il senso armonico e coerente: l’amore, visto come un sentimento che deve coinvolgere due persone, che deve essere reciproco e come tale essere vissuto; il ricordo e la memoria, che scavano indietro e dentro: e significativamente i ricordi che si spingono a un periodo precedente all’incontro con “Lei” sono più cupi e tristi; l’idea dello scorrere e del modellare, che è presente in quasi tutte le poesie ed associato a immagini e concetti legati soprattutto ai giochi di luce-ombra, alla sabbia, alla polvere, al mare e alla pioggia, tutti elementi che sono intrinsecamente sempre in movimento e che hanno potere modellante sulla realtà che circondano e che li circonda.
Ma è la memoria, come strumento, e l’amore, come oggetto, che rimangono padroni assoluti di queste pagine. In questo senso già dal titolo vengono richiamate prospettive che nel loro continuo ricorrere e rincorrersi costituiscono l’autentico leit-motiv dell’opera, rendendola lirica e introspettiva anche nelle frequenti e felicissime immagini naturali, evocate e sublimate dalla poesia, ma soprattutto dallo sguardo – e dal ricordo – del poeta.

L’AUTORE

Raffaello Corti nasce a Bergamo l’11 Settembre 1960.
Trascorre un’infanzia precaria e complessa, passando dal brefotrofio ad affidamenti famigliari ed istituti diversi; al compimento del 13° anno di età interrompe gli studi per non essere costretto ad un ulteriore internamento in Istituto ed affronta il mondo del lavoro. Il periodo passato in istituto e il contesto storico e sociale degli anni ‘70 segnano in modo rilevante la sua personalità e sensibilità. Nascono in quegli anni le passioni per la letteratura, la poesia, l’arte, la musica e la fotografia.
In completa autonomia, ed al fine di crearsi una possibilità di crescita professionale e culturale, studia e approfondisce nozioni di meccanica, fotografia e letteratura.
Dopo il servizio militare inizia un percorso professionale impegnativo che lo porterà a viaggiare, per quasi un ventennio, in molti Paesi occidentali ed orientali. Si trasferisce in Polonia per 4 anni, muovendosi sul territorio dell’ex Europa dell’est, in quel periodo sede di profondi cambiamenti socio-politici, e in altri Paesi del Nord Europa e del Nord Africa.
Nel 1995 si trasferisce in Sud America, dove rimane 4 anni, vivendo tra Brasile, Argentina e Cile. In quegli anni la sua produzione di poesie e racconti si arricchisce attraverso le emozioni suscitate dalle realtà di miseria e disperazione incontrate, ma soprattutto si approfondisce sensibilmente perché corredata da una intensa analisi personale che indaga in modo capillare le tracce lasciate dalla sua infanzia. Rientrato dal Sud America, si trasferisce per 2 anni in Oriente, stabilendosi in Malesia e viaggiando poi attraverso i territori ad essa confinanti. Percorrendo fisicamente ed emotivamente le strade Thailandesi, Indiane, Indonesiane e Vietnamite, l’autore ne assorbe le culture, le filosofie le discipline spirituali, inoltre, le esperienze vissute all’estero gli permettono di crescere anche in campo professionale e di raggiungere la posizione di Direttore Progetti, attività che svolge tuttora dopo essere rientrato definitivamente in Italia.